Dermabase.it
Melanome 2018
OncoDermatologia
Melanome

Associazione di pemfigoide bolloso con inibitori della dipeptidil-peptidasi 4 nei pazienti con diabete


È recentemente emersa l'associazione tra il pemfigoide bolloso e l'uso di inibitori della dipeptidil-peptidasi 4 ( DPP-4 ) tra i pazienti con diabete mellito.
Il rischio di sviluppare il pemfigoide bolloso durante il trattamento con nuovi agenti inibitori della DPP-4 come Linagliptin deve ancora essere stabilito.
Rimangono inoltre da accertare le caratteristiche cliniche e gli esiti prognostici dei pazienti con pemfigoide bolloso associato a inibitori DPP-4.

È stata stimata l'associazione tra esposizione agli inibitori DPP-4 e sviluppo di pemfigoide bolloso, e sono state caratterizzate le caratteristiche cliniche e la storia dei pazienti con pemfigoide bolloso associato a inibitori DPP-4.

È stato condotto uno studio caso-controllo retrospettivo sull'assunzione di diversi agenti inibitori di DPP-4 e Metformina e l'insorgenza di pemfigoide bolloso tra i pazienti con diabete mellito in un Centro di riferimento per malattie bollose autoimmuni nel nord di Israele.

Sono stati inclusi 82 ​​pazienti consecutivi con diabete mellito e pemfigoide bolloso immunopatologicamente validato diagnosticati tra il 2011 e il 2017, e 328 partecipanti di controllo abbinati per età, sesso ed etnia con diabete ma senza pemfigoide bolloso.

I pazienti con diabete e pemfigoide bolloso ed esposizione agli inibitori DPP-4 sono stati seguiti per una media di 2.0 anni e confrontati con altri pazienti con diabete e pemfigoide bolloso che non erano stati esposti agli inibitori di DPP-4 per quanto riguarda le caratteristiche cliniche e immunologiche, le analisi di laboratorio, i trattamenti e gli esiti clinici.

Sono stati arruolati 82 pazienti con pemfigoide bolloso e 328 partecipanti di controllo abbinati per età e sesso; età media 79.1 anni; 44 pazienti erano di sesso femminile ( 53.7% ).

Complessivamente, l'assunzione di inibitori DPP-4 è stata associata a un rischio aumentato di 3 volte di pemfigoide bolloso( odds ratio aggiustato, aOR, 3.2 ).
Gli odds ratio corretti per Vildagliptin ( Galvus ) e Linagliptin ( Trajenta ) sono stati, rispettivamente, pari a 10.7 e 6.7.

L'associazione tra uso dell'inibitore di DPP-4 e pemfigoide bolloso è risultata indipendente dall'uso di Metformina ed era più forte tra i maschi ( OR, 4.46 ) rispetto alle femmine ( OR, 1.88 ) e più forte nei pazienti di età inferiore a 70 anni ( OR, 5.59 ).

I pazienti con pemfigoide bolloso associati a inibitori di DPP-4 presentavano un più elevato coinvolgimento della mucosa ( 22.2% vs 6.5%; P=0.04 ) e una inferiore conta media degli eosinofili periferici ( 399.8 vs 1117.6 cellule/microl; P=0.01 ) rispetto a quelli con pemfigoide bolloso che non erano stati esposti all'inibitore di DPP-4.

L'interruzione del trattamento con inibitori di DPP-4 è stata seguita da esiti clinici migliori.

In conclusione, Vildagliptin e, in misura minore, Linagliptin, sono associati a un aumentato rischio di pemfigoide bolloso.
Ciò potrebbe in parte spiegare la crescente incidenza di pemfigoide bolloso in Israele.
L'interruzione del trattamento con inibitori di DPP-4 nei pazienti con diabete mellito deve essere presa in considerazione quando viene diagnosticato il pemfigoide bolloso. ( Xagena2018 )

Kridin K et al, JAMA Dermatol 2018; 154: 1152-1158

Dermo2018 Endo2018 Farma2018


Indietro