Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite
Melanoma
Dermabase.it

Associazione tra eventi cardiovascolari precoci gravi e inizio del trattamento con l'anticorpo anti-interleuchina 12/23p40 Ustekinumab


Ustekinumab ( Stelara ), un anticorpo monoclonale mirato all'interleuchina 12/23p40 ( IL-12 / 23p40 ), è efficace nel trattamento della psoriasi da moderata a grave, dell'artrite psoriasica e della malattia di Crohn.

Nel 2011, una meta-analisi di studi clinici randomizzati ha riportato un potenziale rischio di eventi cardiovascolari gravi nei primi mesi dopo l'inizio della somministrazione di anticorpi anti-IL-12/23p40.

Uno studio ha valutato se l'inizio del trattamento con Ustekinumab fosse associato a un aumento del rischio di gravi eventi cardiovascolari.

Questo studio caso-tempo-controllo ha utilizzato i dati del database dell'assicurazione sanitaria nazionale francese, che copre 66 milioni di persone, su tutti i pazienti esposti a Ustekinumab tra il 2010 e il 2016, classificati in base al loro livello di rischio cardiovascolare ( strati ad alto e basso rischio ).

Il periodo di rischio erano i 6 mesi prima di gravi eventi cardiovascolari, definiti come sindrome coronarica acuta o ictus; il periodo di riferimento erano i 6 mesi prima del periodo di rischio.
L'inizio del trattamento con Ustekinumab è stato valutato durante i periodi di rischio e di riferimento e sono stati calcolati gli odds ratio ( OR ) per il rischio di gravi eventi cardiovascolari dopo l'inizio del trattamento con Ustekinumab.

Dei 9.290 pazienti esposti a Ustekinumab ( 4.847 uomini, 52%; età media 43 anni ), 179 hanno manifestato gravi eventi cardiovascolari ( 65 casi di sindrome coronarica acuta, 68 casi di angina instabile e 46 casi di ictus ).

Tra i pazienti con un alto rischio cardiovascolare, è stata identificata un'associazione statisicamente significativa tra l'inizio del trattamento con Ustekinumab e l'insorgenza di gravi eventi cardiovascolari ( OR=4.17 ).
Per contro, non è stata trovata alcuna associazione statisticamente significativa tra i pazienti con un basso rischio cardiovascolare ( OR=0.30 ).

Questo studio ha indicato che l'inizio del trattamento con Ustekinumab può innescare gravi eventi cardiovascolari tra i pazienti ad alto rischio cardiovascolare.
In linea con gli attuali modelli meccanicistici per la malattia aterosclerotica, il periodo successivo all'inizio della somministrazione di anti-IL-12/23p40 può essere associato alla destabilizzazione della placca aterosclerotica tramite l'inibizione del sottotipo 17 di cellule T helper.

Sebbene l'interpretazione dello studio sia limitata dal suo disegno osservazione, i risultati hanno indicato che potrebbe essere necessaria cautela nella prescrizione di Ustekinumab a pazienti ad alto rischio cardiovascolare. ( Xagena2020 )

Poizeau F et al, JAMA Dermatol 2020; 156: 1208-1215

Dermo2020 Cardio2020 Reuma2020 Gastro2020 Farma2020


Indietro