Dermabase.it
Melanome
Melanome 2018
OncoDermatologia

Associazione tra recidiva di malattia con esiti di sopravvivenza nei pazienti con carcinoma cutaneo a cellule squamose del testa-collo trattati con terapia multimodale


È stato precedentemente dimostrato che i pazienti immunosoppressi con carcinoma cutaneo a cellule squamose della testa e del collo ( cSCC-HN ) trattati chirurgicamente e con radioterapia postoperatoria hanno esiti correlati alla malattia significativamente inferiori rispetto ai pazienti immunocompetenti, ma i dati sugli esiti dopo la recidiva sono limitati.

Sono stati riportati gli esiti di sopravvivenza nei pazienti con tumore cSCC-HN dopo recidiva della malattia successiva a chirurgia e radioterapia postoperatoria per studiare l'associazione dello stato immunitario con gli esiti correlati alla malattia.

È stato condotto uno studio multicentrico su 205 pazienti trattati presso la Cleveland Clinic, Washington University di St. Louis e l'Università della California, San Francisco, in cui sono stati identificati i pazienti sottoposti a resezione chirurgica e radioterapia postoperatoria per tumore cSCC-HN primario o ricorrente in stadio da I a IV ( non-metastatico ) tra il 1995 e il 2014.

Sono stati inclusi i pazienti con qualsiasi recidiva di malattia, definita come fallimento locale, regionale e/o distante.
I pazienti sono stati classificati come immunosoppressi se avevano ricevuto una diagnosi di neoplasia ematologica cronica o HIV o AIDS, o erano stati trattati con terapia immunosoppressiva per il trapianto di organi 6 mesi o più prima della diagnosi.

L’esito principale era la sopravvivenza globale.

Dei 205 pazienti nella coorte originale, 72 ( 63 uomini e 9 donne, età media, 71 anni ) hanno sviluppato recidiva dopo chirurgia e radioterapia postoperatoria.
40 pazienti ( 55.6% ) erano immunodepressi e 32 pazienti ( 44.4% ) erano immunocompetenti.

La recidiva locoregionale è stata il modello di fallimento più comune per entrambi i gruppi ( 31 pazienti immunosoppressi, 77.5%; 21 pazienti immunocompetenti, 65.6% ).

Dopo qualsiasi recidiva, la sopravvivenza globale a 1 anno è stata del 43.2% e la sopravvivenza mediana di 8.4 mesi.
Per i pazienti per i quali erano disponibili informazioni sul trattamento di salvataggio ( n=45 ), quelli non-sensibili al salvataggio chirurgico avevano una incidenza cumulativa di sopravvivenza mediana significativamente più bassa rispetto a quelli che erano sensibili al salvataggio chirurgico ( 4.7 mesi vs 26.1 mesi; P=0.01 ), indipendentemente dal loro stato immunitario.

I pazienti con tumore cutaneo a cellule squamose del testa-collo che presentavano recidiva dopo trattamento definitivo con chirurgia e radioterapia postoperatoria hanno mostrato una scarsa sopravvivenza, indipendentemente dallo stato immunitario.

I tassi di sopravvivenza sono risultati bassi per i pazienti con malattie ricorrenti che non sono sensibili al recupero chirurgico.
Il basso tasso di salvataggio di successo sottolinea l'importanza di intensificare il trattamento in anticipo per prevenire le recidive. ( Xagena2019 )

Sun L et al, JAMA Dermatol 2019; 155: 442-447

Dermo2019 Onco2019 Chiru2019



Indietro