Dermabase.it
Melanome
Melanome 2018
OncoDermatologia

Associazione tra trattamento antibiotico sistemico dell'acne e le caratteristiche del microbiota cutaneo


Dato l'uso diffuso di antibiotici sistemici per il trattamento dell'acne da moderata a grave, è importante capire le associazioni di tale uso di antibiotici con cambiamenti non solo in Cutibacterium acnes ( precedentemente Propionibacterium acnes ) ma anche nella popolazione batterica completa della pelle.

Sono state esaminate la composizione, la diversità e la resilienza del microbiota cutaneo associate all’intervento antibiotico sistemico in individui con acne.

È stato condotto in un Centro di riferimento accademico in Maryland da febbraio a settembre 2014 uno studio che comprendeva 4 partecipanti donne che avevano ricevuto una recente diagnosi di acne vulgaris, mostravano acne comedonale e infiammatoria sul viso, avevano almeno 18 anni e non avevano fatto recente uso di trattamenti sistemici o topici per l'acne, inclusi antibiotici e retinoidi.

Alle partecipanti è stata prescritta Minociclina orale 100 mg due volte al giorno per 4 settimane.

Aree cutanee sulla fronte, sulla guance e sul mento sono state campionate per il sequenziamento del gene dell'RNA ribosomiale 16S al basale, 4 settimane dopo l'inizio del trattamento con Minociclina, e poi 1 settimana e 8 settimane dopo l'interruzione del trattamento.

Gli esiti principali erano il microbiota cutaneo esaminato in relazione all'abbondanza relativa di taxa batterici, la diversità alfa ( che rappresenta la diversità microbica all'interno del campione ), la diversità beta ( che rappresenta la diversità microbica tra i campioni ) e lo stato dell'acne valutato con fotografie e conta delle lesioni.

Su 4 pazienti incluse in questo studio, due avevano 25 anni, una aveva 29 anni e una aveva 35 anni; due erano donne bianche, una era una donna afroamericana e una era una donna asiatica.
In tutte e 4 le pazienti, il trattamento antibiotico è stato associato a una riduzione di 1.4 volte del livello di Cutibacterium acnes ( differenza, -10.3%, P=0.04 ) con recupero dopo la cessazione di trattamento.

Modelli distinti di cambiamento sono stati identificati in più generi batterici, compreso un aumento transitorio di 5.6 volte dell'abbondanza relativa di specie di Pseudomonas ( differenza 2.2%, P minore di 0.001 ) immediatamente dopo il trattamento antibiotico, nonché un aumento persistente di 1.7 volte dell'abbondanza relativa di specie di Streptococcus ( differenza: 5.4%, P=0.04 ) e una diminuzione di 4.7 volte dell'abbondanza relativa delle specie di Lactobacillus ( differenza: -0.8%, P=0.02 ) 8 settimane dopo l'interruzione del trattamento con antibiotici.

In generale, la somministrazione di antibiotici è stata associata a una diminuzione iniziale rispetto al basale della diversità batterica seguita dal recupero.
I principali risultati dell'analisi delle coordinate hanno mostrato un moderato raggruppamento di campioni per paziente ( analisi di similarità, R=0.424; P=0.001 ) e raggruppamento significativo di campioni in base al tempo in una partecipante ( analisi di similarità, R=0.733; P=0.001 ).

Il trattamento antibiotico sistemico dell'acne è stato associato a cambiamenti nella composizione e nella diversità del microbiota cutaneo, con tassi variabili di recupero nelle singole pazienti e cambiamenti paralleli in specifiche popolazioni batteriche.
Comprendere l'associazione tra uso sistemico di antibiotici e microbiota cutaneo può aiutare a ridurre la probabilità di comorbilità cutanee correlate alla disbiosi microbica. ( Xagena2019 )

Chien AL et al, JAMA Dermatol 2019; 155: 425-434

Dermo2019 Farma2019


Indietro