Dermabase.it
Melanome 2018
OncoDermatologia
Melanome

Associazione tra uso di inibitori della dipeptidil-peptidasi 4 e rischio di pemfigoide bolloso nei pazienti con diabete mellito


Studi recenti hanno indicato che gli inibitori della dipeptidil-peptidasi 4 ( DPP-4 ) sono associati a un aumentato rischio di sviluppare pemfigoide bolloso.
Gli studi basati sulla popolazione sull'associazione tra inibitori DPP-4 e pemfigoide bolloso sono limitati.
È stata caratterizzata la potenziale associazione tra l'uso di inibitori della DPP-4 e un aumentato rischio di sviluppare pemfigoide bolloso.

È stato condotto uno studio retrospettivo, nazionale, basato sulla popolazione coreana dal 2012 al 2016, che comprendeva pazienti con pemfigoide bolloso e diabete di nuova diagnosi.
I pazienti di controllo con diabete mellito e senza pemfigoide bolloso sono stati randomizzati dopo abbinamento per età, sesso e anno di diagnosi entro lo stesso periodo.

Sono stati misurati il ​​numero di pazienti con pemfigoide bolloso di nuova diagnosi e diabete all'anno e i cambiamenti annuali nella proporzione di pazienti con diabete tra tutti i pazienti con pemfigoide bolloso.

Lo studio ha coinvolto 670 pazienti con diabete e pemfigoide bolloso, e 670 pazienti di controllo con solo diabete ( età media 75.3 anni in ciascun gruppo, 342 maschi, 51.0%, in ciascun gruppo ).

Il numero di pazienti con diabete mellito e pemfigoide bolloso è più che raddoppiato durante il periodo di studio ( da 77 nel 2012 a 206 nel 2016 ).
Anche la proporzione di pazienti con diabete mellito tra tutti i pazienti con pemfigoide bolloso è aumentata ( da 0.18 nel 2012 a 0.33 nel 2016 ).

L'uso di inibitori DPP-4 è risultato associato a un significativo aumento del rischio di sviluppare pemfigoide bolloso ( odds ratio aggiustato, aOR, 1.58, P minore di 0.001 ); tra tutti gli inibitori di DPP-4 utilizzati in Corea, il più alto odds ratio aggiustato è stato associato all'uso di Vildagliptin ( Galvus ) ( aOR, 1.81, P minore di 0.001 ).

Le analisi di sottogruppo hanno rivelato una associazione significativa nei pazienti di sesso maschile ( aOR, 1.91, P minore di 0.001 ) e che Vildagliptin era l'inibitore di DPP-4 a più alto rischio ( aOR, 2.70, P minore di 0.001 ).

In conclusione, i risultati hanno indicato che gli inibitori DPP-4 sono associati a un rischio significativamente maggiore di sviluppare pemfigoide bolloso nei pazienti con diabete mellito.
Vildagliptin è risultato associato al più alto rischio, in particolare nei pazienti di sesso maschile.

I medici dovrebbero considerare che gli inibitori DPP-4, in particolare Vildagliptin, possono essere associati allo sviluppo del pemfigoide bolloso nei pazienti con diabete mellito.
Questi risultati a livello nazionale e basati sulla popolazione possono servire come base per ulteriori studi che cercano di capire in che modo gli inibitori DPP-4 contribuiscano allo sviluppo di pemfigoide bolloso. ( Xagena2019 )

Lee SG et al, JAMA Dermatol 2019; 155: 172-177

Dermo2019 Endo2019 Farma2019


Indietro