Dermabase.it
Melanome
OncoDermatologia
Melanome 2018

Cambiamenti cutanei e rischio di gravi eruzioni di tipo acneico con la terapia a base di inibitori di EGFR


La valutazione strumentale ha dimostrato rapidi cambiamenti infiammatori della cute associati agli inibitori del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ), e ha evidenziato che la presenza di pelle grassa è un fattore di rischio per la forma grave di eruzione acneiforme.

Lo studio multicentrico osservazionale è stato condotto presso il National Cancer Center Hospital, Tohoku University Hospital e Mie University Hospital, in Giappone.

Gli inibitori della tirosin-chinasi EGFR e gli anticorpi anti-EGFR sono spesso collegati allo sviluppo di vari eventi avversi dermatologici, tuttavia i precisi cambiamenti cutanei e i fattori di rischio per la grave eruzione acneiforme non sono ben definiti.

L'obiettivo dlelo studio è stato quello di chiarire i parametri utili per rilevamento precoce dei cambiamenti della pelle da parte degli inibitori di EGFR.

L'idratazione superficiale della pelle, la perdita d'acqua transepidermica, i livelli lipidici superficiali della pelle e l'indice eritema / melanina sono stati tutti misurati in serie per 2 settimane in 19 persone trattate con gli inibitori della tirosin-chinasi EGFR, Afatinib [ Giotrif ] / Erlotinib [ Tarceva ], e per 8 settimane tra 20 persone trattate con l'anticorpo anti-EGFR Cetuximab ( Erbitux ).

I livelli di perdita d'acqua transepidermica della guancia erano già elevati 7 giorni dopo l'inizio della terapia con Afatinib / Erlotinib nei pazienti con eruzione acneiforme di grado 2 o superiore rispetto a prima della terapia e confrontati con pazienti con eruzioni acneiformi di grado 1 o inferiore.

Inoltre, nei pazienti trattati con Cetuximab e con eruzioni acneiformi, l'idratazione superficiale della pelle sulla guancia in quelli con eruzioni acneiformi di grado 2 o superiore è diminuita significativamente rispetto all'idratazione in quelli con eruzioni acneiformi di grado 1 o inferiore alle settimane 2 e 6 ( P inferiore a 0.05 ).

I livelli lipidici della superficie cutanea e l'indice di eritema sulla guancia dei pazienti con eruzione acneiforme di grado 2 o maggiore sono risultati significativamente più alti rispetto a quelli con eruzioni acneiformi di grado 1 o minore ( P inferiore a 0.05 ).

I ricercatori hanno concluso che la principale limitazione di questo studio era la piccola dimensione del campione, in particolare durante l'esecuzione dell'analisi di regressione logistica.

I risultati del presente studio hanno rivelato che le eruzioni acneiformi da inibitori EGFR si sviluppano in modo subclinico già dalla prima settimana di trattamento nei pazienti che ricevono gli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR.
Al contrario, nei pazienti trattati con un anticorpo anti-EGFR, le eruzioni acneiformi causate dagli inibitori di EGFR sono riscontrate durante la seconda settimana di terapia.
Gli elevati livelli di lipidi sulla superfice cutanea prima della terapia con inibitori di EGFR e la pelle grassa sono entrambi fattori di rischio per la forma grave di eruzione acneiforme. ( Xagena2019 )

Fonte: Journal of Dermatology, 2019

Dermo2019 Farma2019


Indietro