Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite
Melanoma
Dermabase.it

Capecitabina per il trattamento e la prevenzione di cheratosi attinica, carcinoma a cellule squamose e carcinoma a cellule basali


Alcuni gruppi di pazienti, come i riceventi di trapianto di organi solidi ( SOTR ), hanno un rischio significativamente maggiore di sviluppare tumori della pelle.
Il farmaco chemioterapico Capecitabina ( Xeloda ) è stato utilizzato off label come modalità chemiopreventiva per sopprimere lo sviluppo di lesioni cutanee precancerose e carcinomi a cellule squamose ( SCC ).

Sono stati riesaminati sistematicamente gli studi pubblicati sull'uso della Capecitabina per il trattamento e la prevenzione delle lesioni cutanee precancerose e cancerose, con particolare attenzione al carcinoma a cellule squamose cutaneo.

Sono stati selezionati articoli sull'uso della Capecitabina per il trattamento e la prevenzione di cheratosi attinica, carcinoma a cellule squamose e carcinoma a cellule basali ( BCC ), e 16 pubblicazioni hanno soddisfatto i criteri di inclusione, con 8 case report che descrivevano l'infiammazione da cheratosi attinica in pazienti con tumore di organo solido trattati con Capecitabina ( 2 pazienti con tumore al seno e 6 pazienti con tumore colorettale ).
Un caso clinico e 1 serie di 4 pazienti hanno studiato l'uso della Capecitabina per il trattamento del carcinoma a cellule squamose cutaneo avanzato o diffuso.

In totale 6 pubblicazioni ( 3 case report e 3 case series ) hanno descritto l'uso della Capecitabina per prevenire lo sviluppo di carcinoma a cellule squamose nei riceventi di trapianto di organi solidi.
In queste serie di casi, 2 studi hanno riscontrato una riduzione significativa del tasso di incidenza di carcinoma a cellule squamose durante il trattamento con Capecitabina rispetto a prima del trattamento.

Effetti avversi come affaticamento, nausea, vomito, diarrea, livelli elevati di creatinina, sindrome mano-piede, iperuricemia, perdita di peso, anemia e cardiomiopatia, hanno limitato la durata della chemioprevenzione in diversi pazienti.

Il trattamento con Capecitabina può essere associato a una diminuzione dell'incidenza di carcinoma a cellule squamose nei riceventi di trapianto di organi solidi.
Il trattamento con Capecitabina può anche essere associato a una diminuzione dell'incidenza di cheratosi attinica e carcinoma a cellule basali.
Tuttavia, è utile valutare questo beneficio rispetto al rischio di effetti avversi per ciascun paziente individualmente.
Sono necessarie ulteriori indagini con uno studio clinico prospettico. ( Xagena2020 )

Schauder DM et al, JAMA Dermatol 2020; 156: 1117-1124

Dermo2020 Farma2020


Indietro