Dermabase.it
Melanome 2018
OncoDermatologia
Melanome

Carcinomi cutanei a cellule squamose in soggetti trapiantati con organi solidi rispetto a pazienti immunocompetenti


I pazienti trattati con trapianto di organi solidi ( SOTR ) hanno un rischio aumentato di 100 volte di carcinoma a cellule squamose ( SCC ) e possono sviluppare tumori più aggressivi rispetto agli individui immunocompetenti.

Sono stati confrontati gli esiti associati al comportamento aggressivo di carcinoma a cellule squamose in pazienti sottoposti a trapianto di organi solidi e in pazienti immunocompetenti ad alto rischio in uno studio di coorte retrospettivo su 58 trapiantati e 40 pazienti immunocompetenti valutati presso la Yale Transplant Dermatology Clinic di New Haven, nel Connecticut ( Stati Uniti ), che avevano almeno un carcinoma a cellule squamose confermato istopatologicamente tra il 2008 e il 2015.

Il tempo di follow-up cumulativo per lo studio è stato di 369 anni-paziente.


La misura di esito primario era la profondità tumorale del carcinoma a cellule squamose. Le misure di esito secondario che riflettono l'aggressività del tumore hanno incluso invasione perineurale, metastasi regionali, metastasi linfonodali, morte specifica per malattia e morte generale.

Dei 58 partecipanti nel gruppo trapianto, 14 erano donne e 44 erano uomini; l'età media era di 61.3 anni.
Dei 40 partecipanti nel gruppo immunocompetenti, 16 erano donne e 24 erano uomini; l'età media era di 69.8 anni, risultando in una differenza statisticamente significativa rispetto al gruppo trapianto.
Il numero medio di anni in cui i trapianti erano immunosoppressi era di 14.6 anni.

I gruppi pazienti sottoposti a trapianto e pazienti immunocompetenti erano statisticamente comparabili per quanto riguarda etnia e sesso, cura del paziente, tempo di follow-up, numero di lesioni cutanee, alterazioni carcinogene e terapie chemiopreventive.

Il gruppo trapianto ha presentato una frequenza annuale di visite significativamente più alta ( media 4 versus 3 visite per paziente all'anno, P=0.02 ) e di tassi di biopsia annuali ( media 6 vs 5 biopsie per paziente all'anno, P=0.04 ).

I trapianti di organi solidi hanno sviluppato carcinoma a cellule squamose che non è apparso essere significativamente più aggressivo di quelli riscontrato nel gruppo di controllo immunocompetente.

Inoltre, i trapianti di organi solidi non hanno sviluppato tumori significativamente di maggiore spessore rispetto al gruppo di controllo immunocompetente ( profondità del tumore mediana 1.30 mm in 35 trapianti SOTR vs 1.22 mm in 20 pazienti immunocompetenti ).

In conclusione, l'aumento del rischio e il potenziale comportamento aggressivo del carcinoma a cellule squamose nei pazienti sottoposti a trapianto di tumore solido può essere gestito con successo a un livello paragonabile a quello degli individui immunocompetenti ad alto rischio attraverso stretta aderenza alle attuali raccomandazioni di sorveglianza dermatologica e una soglia marginalmente inferiore per la biopsia delle lesioni sospette per i trapianti di organi solidi. ( Xagena2018 )

Cheng JY et al, JAMA Dermatol 2018; 154: 60-66

Dermo2018 Onco2018 Med2018



Indietro