Dermabase.it
Melanome
Melanome 2018
OncoDermatologia

Chemioprevenzione del carcinoma a cellule basali e squamose con un singolo ciclo di Fluorouracile 5% crema


Il carcinoma dei cheratinociti ( cioè carcinoma cutaneo basale e a cellule squamose ) è il tumore più comune negli Stati Uniti.

Uno studio ha verificato se il Fluorouracile topico possa prevenire il carcinoma dei cheratinociti trattato chirurgicamente.

Veterans Affairs Keratinocyte Carcinoma Chemoprevention è uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di Fluorouracile per la chemioprevenzione del carcinoma dei cheratinociti.
I partecipanti sono stati reclutati nel periodo 2009-2011 da 12 Centri medici e sono stati seguiti fino al 2013.
I partecipanti erano veterani ( n=932 ) con una storia di almeno due carcinomi dei cheratinociti negli ultimi 5 anni; quasi tutti erano maschi bianchi e l'età media era di 70 anni.

I pazienti sono stati sottoposti ad applicazione di Fluorouracile 5% crema ( n=468 ) oppure di crema veicolo di controllo ( n=464 ) al viso e alle orecchie due volte al giorno per 2 o 4 settimane dopo la randomizzazione.

Gli esiti principali erano il rischio di carcinoma dei cheratinociti, a cellule basali e a cellule squamose trattato chirurgicamente sul viso e sulle orecchie nel primo anno dopo l'arruolamento; e il tempo al primo carcinoma dei cheratinociti, delle cellule basali e delle cellule squamose trattato chirurgicamente.

L'ipotesi a priori era che il Fluorouracile sarebbe stato efficace nel prevenire questi tumori.

Su 932 partecipanti ( 916 uomini, 98%, 926 bianchi, 99%, età media, 70 anni ), 299 hanno sviluppato un endpoint di carcinoma a cellule basali ( 95 nell'anno 1 ) e 108 hanno sviluppato un endpoint di carcinoma a cellule squamose ( 25 nell'anno 1 ) nell’arco di 4 anni ( follow-up mediano, 2.8 anni ).

Durante l'intero studio, non c'è stata differenza tra i gruppi di trattamento nel tempo al primo carcinoma dei cheratinociti, a cellule basali o squamose

Durante il primo anno, tuttavia, 5 partecipanti ( 1% ) nel gruppo Fluorouracile hanno sviluppato un carcinoma a cellule squamose versus 20 ( 4% ) nel gruppo di controllo, una riduzione del rischio del 75% ( P=0.002 ).

La riduzione dell'11% nel rischio di carcinoma a cellule basali durante l'anno 1 ( 45, 10%, nel gruppo Fluorouracile vs 50, 11%, nel gruppo di controllo ) non è stata statisticamente significativa, né c'è stato un effetto significativo sul rischio di carcinoma dei cheratinociti.
Tuttavia, è stata osservata una riduzione dei carcinomi dei cheratinociti trattati con la chirurgia di Mohs.

In conclusione, un ciclo convenzionale di Fluorouracile crema su viso e orecchie riduce sostanzialmente la chirurgia per carcinoma a cellule squamose per 1 anno senza incidere in modo significativo sul rischio corrispondente di carcinoma a cellule basali. ( Xagena2018 )

Weinstock MA et al, JAMA Dermatol 2018; 154: 167-174

Dermo2018 Onco2018 Farma2018


Indietro