Dermabase.it
Melanome
Melanome 2018
OncoDermatologia

Decorso clinico e dell'esito del trattamento per i pazienti con borreliosi di Lyme precoce disseminata o precoce localizzata


L'eritema migrante multiplo è stato indicato come un fattore di rischio per un esito del trattamento antibiotico sfavorevole rispetto all'eritema migrante solitario.
Tuttavia, non è stato effettuato alcun confronto diretto della borreliosi precoce di Lyme manifestata come eritema migrante multiplo o solitario.

Sono state studiate le potenziali differenze nel decorso clinico e negli esiti del trattamento tra eritema migrante multiplo ed eritema migrante solitario in uno studio di coorte prospettico condotto nel periodo 2010-2015 presso il Centro medico universitario di Lubiana, in Slovenia.

Dei 778 pazienti adulti consecutivi con borreliosi di Lyme precoce valutati, sono stati arruolati 200 pazienti con eritema migrante multiplo e 403 pazienti con eritema migrante solitario.
Ai pazienti è stato chiesto di indicare un membro della famiglia o un amico di età simile senza storia di borreliosi di Lyme per fungere da controllo.

Il decorso clinico e post-trattamento dell'eritema migrante multiplo è stato confrontato con quello di eritema migrante solitario.
Il risultato è stato valutato a 14 giorni e 2, 6 e 12 mesi dopo l'arruolamento.

Ad ogni visita, i pazienti hanno compilato un questionario scritto sui propri sintomi; i controlli hanno completato lo stesso questionario.
Sono stati confrontati i sintomi non-specifici riportati dai pazienti e dai controlli senza una storia di borreliosi di Lyme.

È stata stimata la proporzione di pazienti con risposta incompleta 12 mesi dopo l'arruolamento per la differenza tra eritema migrante multiplo e eritema migrante solitario.
Sono stati inclusi in totale 200 pazienti con eritema migrante multiplo e 403 pazienti con eritema migrante solitario.
Tra i 200 pazienti con eritema migrante multiplo, 94 ( 47.0% ) erano maschi e 106 ( 53.0% ) erano femmine, con una età mediana di 47 anni.
Tra i 403 pazienti con eritema migrante solitario, 182 ( 45.2% ) erano maschi e 221 ( 54.8% ) erano femmine, con un'età mediana di 55 anni.

I pazienti con eritema migrante multiplo hanno riferito i sintomi costituzionali associati alla borreliosi di Lyme all'arruolamento più spesso di quelli con eritema migrante solitario ( 93, 46.5%, vs 96, 23.8%; P minore di 0.001 ).

Durante i 6 mesi iniziali dopo il trattamento, la proporzione di pazienti con risposta incompleta era più alta nel gruppo eritema migrante multiplo che nel gruppo eritema migrante solitario ( 14 giorni: 62 su 193, 32.1%, vs 72 su 391, 18.4%; P minore di 0.001; 2 mesi: 38 su 193, 19.7%, vs 55 su 394, 14.0%; P=0.28; 6 mesi: 29 su 182, 15.9%, vs 31 su 359, 8.6%; P=0.02 ).

Tuttavia, alla visita a 12 mesi, l'esito è stato paragonabile: 10 pazienti su 170 ( 5.9% ) con eritema migrante multiplo vs 20 su 308 ( 6.5% ) pazienti con eritema migrante solitario hanno mostrato una risposta incompleta ( -0.6; P=0.95 ).
La frequenza dei sintomi non-specifici nei pazienti era simile a quella nei controlli.

In conclusione, l’esito a lungo termine 12 mesi dopo il trattamento è stato paragonabile, indipendentemente dalla disseminazione.
Il follow-up di almeno 12 mesi dopo il trattamento è quindi raccomandato per studi futuri che indaghino sui sintomi post-borreliosi di Lyme. ( Xagena2018 )

Stupica D et al, JAMA Dermatol 2018; 154: 1050-1056

Dermo2018 Inf2018



Indietro