Dermabase.it
OncoDermatologia
Melanome
Melanome 2018

Effetti avversi cutanei associati con Cabozantinib, inibitore della tirosin-chinasi


Cabozantinib S-malato ( Cometriq ) è un inibitore multitarget della tirosin-chinasi, del recettore 2 del fattore di crescita endoteliale vascolare, di c-MET e RET che ha proprietà antiangiogeniche e antitumorigeniche, con potenziale efficacia per il trattamento di diversi tumori.
Le reazioni cutanee, uno degli effetti collaterali più frequentemente osservati associati agli inibitori della tirosin-chinasi, possono influire in modo significativo sulla qualità della vita e sull'aderenza al farmaco dei pazienti, e rappresentano una grande sfida terapeutica per massimizzare l'efficacia della terapie mirate per il cancro.

Sono state descritte la frequenza e lo spettro di reazioni cutanee nei pazienti con carcinoma uroteliale che hanno ricevuto Cabozantinib in monoterapia in uno studio svolto presso il National Institutes of Health che ha incluso 41 adulti con carcinoma uroteliale metastatico, progressivo, iscritti in una sperimentazione in aperto, non-randomizzata, di fase 2, del National Cancer Institute ( NCI ).

I pazienti trattati con Cabozantinib sono stati valutati per lo sviluppo di reazioni cutanee ad ogni visita di trattamento dal 2012 al 2014.

Sono state raccolte come misure principali le anamnesi dettagliate, l’esame fisico di tutto il corpo e fotografie cliniche delle lesioni cutanee.

Dei 41 pazienti che hanno ricevuto Cabozantinib, 30 ( 73% ) hanno sviluppato uno o più effetti tossici cutanei.
Gli eventi avversi hanno incluso reazione cutanea mano-piede ( 22, 54% ), diluizione del pigmento generalizzata e/o depigmentazione dei capelli ( 18, 44% ), xerosi ( 8, 20% ), eritema scrotale / ulcerazione ( 6, 15% ) ed emorragie a scheggia delle unghie ( 5, 12% ).

18 pazienti ( 44% ) hanno presentato due o più eventi avversi cutanei.
Si sono sviluppate reazioni in 17 pazienti su 30 ( 57% ) nel corso del primo mese di trattamento con Cabozantinib e in 24 su 30 pazienti ( 80% ) dal secondo mese.

Per i pazienti che hanno manifestato effetti tossici cutanei, è stata necessaria la riduzione della dose per la gestione dei sintomi in 9 pazienti su 30 ( 30% ) e l'interruzione del trattamento è stata richiesta in 4 su 30 ( 13% ).

In conclusione, la monoterapia con Cabozantinib è associata con uno o più eventi avversi cutanei nella maggior parte dei pazienti.
La diagnosi precoce e il trattamento tempestivo possono aumentare l'aderenza dei pazienti alla terapia con inibitori della tirosin-chinasi. ( Xagena2015 )

Zuo RC et al, JAMA Dermatol 2015;151:170-177

Onco2015 Dermo2015 Farma2015


Indietro