Dermabase.it
OncoDermatologia
Melanome 2018
Melanoma

Gli inibitori topici della calcineurina non aumentano il rischio di cancro della pelle nella dermatite atopica


Secondo uno studio, in un'ampia coorte di pazienti con dermatite atopica, il trattamento con inibitori topici della calcineurina non ha dimostrato alcuna associazione con un rischio elevato di carcinoma dei cheratinociti.

Gli inibitori topici della calcineurina, utilizzati principalmente per il trattamento della dermatite atopica, presentano nella scheda tecnica un Boxed Warning che avverte gli utilizzatori del potenziale aumento del rischio di cancro cutaneo.

La potenziale associazione tra la terapia con inibitori topici della calcineurina e il rischio di carcinoma dei cheratinociti, definito come carcinoma a cellule basali ( BCC ) e carcinoma a cellule squamose ( SCC ), non è ben definita a causa della mancanza di studi di sorveglianza post-marketing su larga scala.

La coorte retrospettiva era composta da 93.746 adulti di età pari o superiore a 40 anni a cui era stata diagnosticata dermatite atopica nel periodo 2002-2013.
I partecipanti idonei sono stati arruolati dal Kaiser Permanente in Northern California.
L'età media dei pazienti nella coorte era di 58.5 anni, con la componente femminile al 58.7%.

Gli esiti del cancro della pelle sono stati confrontati per i pazienti trattati con inibitori topici della calcineurina rispetto ai corticosteroidi topici.
Altri fattori che sono stati sottoposti ad analisi includevano la dose degli inibitori topici della calcineurina, la frequenza e la durata dell'esposizione.

L'analisi ha incluso 7.033 pazienti esposti a inibitori topici della calcineurina, 73.674 pazienti trattati con corticosteroidi topici e 46.141 pazienti che non erano stati trattati con nessuno dei due farmaci.

I risultati hanno mostrato che, in totale, ci sono stati 7.744 casi di carcinoma dei cheratinociti.

I risultati dell'analisi multivariata hanno mostrato che l'esposizione agli inibitori topici della calcineurina non era in correlazione con il rischio di carcinoma dei cheratinociti in generale rispetto all'esposizione ai corticosteroidi ( hazard ratio aggiustato, aHR = 1.02; IC 95%, 0.93-1.13 ).

Un risultato simile è stato riportato per l'associazione tra rischio di carcinoma a cellule basali ed esposizione a inibitori topici della calcineurina rispetto all'esposizione ai corticosteroidi topici ( aHR = 1.01; IC 95%, 0.90-1.14 ).
Anche il rischio di carcinoma a cellule squamose non è risultato elevato nell'esposizione agli inibitori topici della calcineurina rispetto all'esposizione ai corticosteroidi ( aHR = 0.94; IC 95%, 0.82-1.08 ).

Quando i pazienti esposti agli inibitori topici della calcineurina sono stati confrontati con pazienti che non erano stati esposti a nessuno dei due farmaci, è stato riportato un risultato simile per il rischio di basalioma ( aHR = 1.04; IC 95%, 0.91-1.19 ).

In conclusione, la dose, la frequenza o la durata dell'uso di inibitori topici della calcineurina non hanno influenzato il rischio complessivo di carcinoma dei cheratinociti, carcinoma a cellule basali o carcinoma a cellule squamose.
Questi risultati indicano che l'uso degli inibitori topici della calcineurina appare essere sicuro riguardo al rischio di carcinoma dei cheratinociti tra gli adulti con dermatite atopica. ( Xagena2020 )

Fonte: JAMA Dermatology, 2020

Dermo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro