Dermabase.it
Melanome
Melanome 2018
OncoDermatologia

Guselkumab sembra presentare un vantaggio rispetto a Secukinumab nel controllo a lungo termine della psoriasi a placche da moderata a grave


Per la psoriasi a placche da moderata a grave, il trattamento con Guselkumab ( Tremfya ) è risultato superiore a Secukinumab ( Cosentyx ) in base alla risposta PASI 90 a 48 settimane nello Studio ECLIPSE.

Gli anticorpi diretti contro l'interleuchina-23 [ IL-23 ] e l'interleuchina-17A [ IL-17A ] sono entrambi efficaci nel trattamento della psoriasi da moderata a grave.
ECLIPSE è il primo confronto diretto tra un inibitore IL-23p19 ( Guselkumab ) e un inibitore IL-17A ( Secukinumab ).

In questo studio di fase 3, gli adulti con psoriasi a placche da moderata a grave sono stati assegnati in modo casuale a Guselkumab ( n=534; 100 mg alle settimane 0 e 4, quindi ogni 8 settimane ) oppure a Secukinumab ( n=514; 300 mg alle settimane 0, 1, 2, 3 e 4, quindi ogni 4 settimane ).

Tra la settimana 3 e la settimana 12, la proporzione di pazienti che hanno ottenuto una risposta PASI 90 era più elevata nel gruppo Secukinumab rispetto al gruppo Guselkumab; alle settimane 16 e 20 era simile nei due gruppi; e dalla settimana 28 alla 48.a era più alta nel gruppo Guselkumab.

La percentuale di pazienti che hanno raggiunto una risposta PASI 90 alla settimana 48 ( endpoint primario ) era maggiore nel braccio Guselkumab rispetto al braccio Secukinumab ( 84% vs 70%; P inferiore a 0.0001 ).

Tuttavia, Guselkumab non è risultato statisticamente superiore a Secukinumab per quanto riguarda la proporzione di pazienti che hanno ottenuto risposte PASI 75 sia a 12 che a 48 settimane, un endpoint secondario, che è stato raggiunto dall'85% del gruppo Guselkumab e dall'80% del gruppo Secukinumab ( P = 0.0616 ).
Pertanto, i test statistici formali non sono stati condotti per i successivi endpoint secondari principali.

Entrambi i farmaci sono risultati ben tollerati, senza differenze nelle proporzioni di pazienti con eventi avversi, infezioni ed eventi avversi gravi; in generale, i risultati di sicurezza erano coerenti con gli studi precedenti.

In conclusione, lo studio ECLIPSE ha fornito un confronto tra le classi di farmaci biologici più efficaci utilizzate per il trattamento della psoriasi da moderata a grave, generando dati per una migliore comprensione del grado di efficacia del target IL-23p19 rispetto a IL -17A, nonché un profilo comparativo di sicurezza, per una durata di quasi 1 anno.
Questi risultati dovrebbero aiutare i medici nel loro processo decisionale nella scelta di un biologico per il trattamento della psoriasi da moderata a grave. ( Xagena2019 )

Fonte: The Lancet, 2019

Dermo2019 Farma2019


Indietro