Dermabase.it
Melanome
OncoDermatologia
Melanome 2018

Il trattamento con inibitore del fattore di necrosi tumorale associato a ridotti indici di aterosclerosi subclinica nei pazienti con malattia psoriasica


È stato valutato l'effetto degli inibitori del fattore di necrosi tumorale ( TNFi ) sulla malattia cardiovascolare subclinica in pazienti con malattia psoriasica.

È stato effettuato uno studio in due fasi; nella fase 1, l'area della placca carotidea totale è stata valutata in pazienti con psoriasi o artrite psoriasica ( n=319 ) mediante ecografia al basale e dopo 2-3 anni.
Il tasso di progressione annuale dell'aterosclerosi era il risultato di interesse.

Nella fase 2, i pazienti affetti da artrite psoriasica che avevano ricevuto inibitore del TNF ( n=21 ) e i pazienti con artrite psoriasica abbinati per età e sesso che non avevano ricevuto alcun agente biologico ( n=13 ) sono stati sottoposti a tomografia ad emissione di positroni con 18F-fluorodeossiglucosio / tomografia computerizzata al basale e a 1 anno per valutare l'infiammazione vascolare, misurata come rapporto target-to-background ( TBR ).

In entrambe le fasi, sono state eseguite analisi di regressione multivariata aggiustate per i fattori di rischio cardiovascolare e l'uso di statine.

Nello stadio 1, gli uomini presentavano una progressione dell'aterosclerosi significativamente più alta rispetto alle donne ( P minore di 0.001 ).
L'inibitore del TNF è risultato associato a una ridotta progressione dell'aterosclerosi negli uomini dopo il controllo per il rischio cardiovascolare e l'uso di statine ( beta aggiustato: -2.20, P minore di 0.001 ).
Non c'è stata alcuna associazione tra inibitori del TNF e la progressione dell'aterosclerosi nelle donne ( P=0.74 ).

Nello stadio 2, i pazienti che avevano ricevuto gli inibitori del TNF avevano TBR ridotto a 1 anno ( P=0.03 ).
Quelli che non avevano ricevuto l'inibitore del TNF non hanno avuto cambiamenti significativi in ​​TBR ( P=0.32 ).
Il miglioramento dell'infiammazione vascolare aortica nel gruppo inibitori del TNF è stato indipendente dai fattori di rischio cardiovascolare ( beta aggiustato: -0.41; P=0.002 ).

I risultati hanno indicato che il trattamento con gli inibitori del TNF è associato a una ridotta progressione delle placche carotidee negli uomini e al miglioramento dell'infiammazione vascolare in uomini e donne con malattia psoriasica. ( Xagena2018 )

Eder L et al, Arthritis Rheum 2018; 70: 408-416

Reuma2018 Dermo2018 Cardio2018 Farma2018


Indietro