Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite
Melanoma
Dermabase.it

Psoriasi a placche da moderata a grave: due studi di fase 3 hanno dimostrato la superiorità di Deucravacitinib rispetto a placebo e Apremilast


I risultati di due studi registrativi di fase 3 che hanno valutato Deucravacitinib, un inibitore selettivo della tirosin chinasi 2 ( TYK2 ) per il trattamento dei pazienti con psoriasi a placche da moderata a grave, sono stati presentati al 2021 American Academy of Dermatology ( AAD ) Virtual Meeting Experience ( VMX ).

Gli studi POETYK PSO-1 e POETYK PSO-2, che hanno valutato Deucravacitinib 6 mg una volta al giorno, hanno raggiunto entrambi gli endpoint co-primari rispetto al placebo, con un numero significativamente maggiore di pazienti che hanno raggiunto la risposta PASI ( Psoriasis Area and Severity Index ) 75 e un punteggio sPGA ( static Physicians Global Assessment ) di chiaro o quasi chiaro ( 0/1 ) dopo 16 settimane di trattamento con Deucravacitinib.
Deucravacitinib è risultato ben tollerato con un basso tasso di interruzione a causa di eventi avversi.

Deucravacitinib ha dimostrato una clearance cutanea superiore rispetto ad Apremilast ( Otezla ) per gli endpoint secondari chiave in entrambi gli studi, come misurato dalle risposte PASI 75 e sPGA 0/1 alla settimana 16 e alla settimana 24.

Risposta PASI 75 in POETYK PSO-1 e POETYK PSO-2 - Alla settimana 16, il 58.7% e il 53.6% dei pazienti che avevano ricevuto Deucravacitinib hanno raggiunto la risposta PASI 75, rispettivamente, contro il 12.7% e il 9.4% di quelli con placebo e il 35.1% e il 40.2% di coloro che erano stati trattati con Apremilast.
Alla settimana 24, il 69.0% e il 59.3% dei pazienti che avevano ricevuto Deucravacitinib hanno ottenuto una risposta PASI 75, rispettivamente, contro il 38.1% e il 37.8% di quelli trattati con Apremilast.
Tra i pazienti che hanno raggiunto la risposta PASI 75 alla settimana 24 con Deucravacitinib e hanno continuato il trattamento con Deucravacitinib, rispettivamente l'82.5% e l'81.4% hanno mantenuto la risposta PASI 75 alla settimana 52.

Risposta sPGA 0/1 in POETYK PSO-1 e POETYK PSO-2 - Alla settimana 16, il 53.6% e il 50.3% dei pazienti trattati con Deucravacitinib hanno ottenuto una risposta sPGA 0/1, rispettivamente, contro il 7.2% e l'8.6% dei trattati con placebo e il 32.1% e il 34.3% di coloro che avevano ricevuto Apremilast.
Alla settimana 24, il 58.4% e il 50.4% dei pazienti trattati con Deucravacitinib hanno ottenuto una risposta sPGA 0/1, rispettivamente, contro il 31.0% e il 29.5% di quelli che avevano ricevuto Apremilast.

Deucravacitinib ha dimostrato un robusto profilo di efficacia, inclusa la superiorità al placebo per gli endpoint co-primari, e ad Apremilast per gli endpoint secondari chiave.
Oltre alle misurazioni PASI 75 e sPGA 0/1, Deucravacitinib è risultato superiore ad Apremilast in entrambi gli studi in molteplici altri endpoint secondari, dimostrando miglioramenti clinicamente significativi dell'efficacia nel carico dei sintomi e nelle misurazioni della qualità di vita.

Deucravacitinib ha presentato un profilo di sicurezza simile in entrambi gli studi.
Alla settimana 16, il 2.9% dei 419 pazienti trattati con placebo, l'1.8% degli 842 pazienti trattati con Deucravacitinib e l'1.2% dei 422 pazienti trattati con Apremilast hanno manifestato eventi avversi gravi in entrambi gli studi.
Gli effetti avversi più comuni ( maggiori o uguali al 5% ) con il trattamento con Deucravacitinib alla settimana 16 sono stati nasofaringite e infezione del tratto respiratorio superiore con bassi tassi di cefalea, diarrea e nausea.
Alla settimana 16, il 3.8% dei pazienti trattati con placebo, il 2.4% dei pazienti trattati con Deucravacitinib e il 5.2% dei pazienti assegnati ad Apremilast hanno manifestato effetti avversi che hanno portato all'interruzione del trattamento.
In POETYK PSO-1 e POETYK PSO-2 per 52 settimane, gli eventi avversi gravi quando aggiustati per l'esposizione ( incidenza aggiustata per l'esposizione per 100 anni-paziente [ EAIR ] ) sono stati pari a 5.7 con placebo, 5.7 con Deucravacitinib e 4.0 con Apremilast.
Nello stesso arco di tempo in entrambi gli studi, gli eventi EAIR per gli effetti avversi che hanno portato all'interruzione del trattamento sono stati 9.4 con placebo, 4.4 con Deucravacitinib e 11.6 con Apremilast.
Non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza durante le settimane 16-52.

In entrambi gli studi di fase 3, i tassi di malignità, gli eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ), la tromboembolia venosa ( TEV ) e le infezioni gravi sono risultate basse e generalmente coerenti tra i gruppi di trattamento attivo.
Non sono stati osservati cambiamenti clinicamente significativi in ​​più parametri di laboratorio ( inclusi anemia, emazie, lipidi ed enzimi epatici ) nell'arco di 52 settimane.

I risultati di entrambi gli studi hanno confermato che Deucravacitinib, un inibitore selettivo di TYK2 per via orale di prima classe con un meccanismo d'azione unico che inibisce le vie IL-12, IL-23 e IFN di tipo 1, può diventare un trattamento orale di scelta per le persone che convivono con la psoriasi. ( Xagena2021 )

Fonte: Bristol Myers Squibb (BMS), 2021

Dermo2021 Farma2021


Indietro