Dermabase.it
Melanome
OncoDermatologia
Melanome 2018

Terapia fotodinamica con luce artificiale bianca vs luce del giorno per cheratosi attinica


La terapia fotodinamica con la luce del giorno utilizzando Acido 5-metil-aminolevulinico ( MAL ) topico per la cheratosi attinica è efficace come terapia fotodinamica convenzionale, ma ha il vantaggio di essere quasi indolore.
La terapia fotodinamica con la luce del giorno ( solare ), tuttavia, richiede un clima asciutto e caldo.

L’obiettivo di uno studio è stato quello di stabilire se la terapia fotodinamica topica con MAL utilizzando una lampada con diodo a emissione di luce bianca ( LED ) sia efficace e ben tollerata come la terapia fotodinamica con la luce del giorno per il trattamento della cheratosi attinica.

Nel complesso, 22 uomini con fotodanneggiamento significativo e un elevato numero di cheratosi attiniche sono stati arruolati in uno studio prospettico randomizzato, in singolo cieco, che ha confrontato l'efficacia e gli effetti negativi della terapia fotodinamica con la luce del giorno e della terapia fotodinamica con luce LED bianca artificiale per il trattamento della cheratosi attinica sulla fronte e sul cuoio capelluto.

Sono stati esclusi i pazienti sottoposti a trapianto d'organo. I pazienti sono stati trattati e valutati in un Centro di riferimento di dermatologia.
Il trattamento è durato da aprile a luglio 2014 e le visite di follow-up sono state effettuate per 9 mesi dopo il trattamento.

Sono stati definiti 2 campi di trattamento simmetrici e le cheratosi attiniche sono state contate, mappate e fotografate al basale e a 1, 3, 6 e 9 mesi.

I pazienti hanno avuto metà cuoio capelluto trattato con la terapia fotodinamica con la luce del giorno e l'altra metà trattata con la terapia fotodinamica a luce bianca artificiale a distanza di una settimana e assegnata in modo casuale.

È stato applicato MAL e il trattamento è iniziato 30 minuti più tardi ed è durato 2 ore.

Sono state eseguite le misurazioni di irradiazione, illuminamento e degli spettri di luce.
È stata misurata la dose integrata in J/cm2.
È stata calcolata la dose di luce efficace, ponderata sullo spettro di assorbimento di protoporfirina IX.

L'endpoint primario era rappresentato dalla riduzione della conta totale delle cheratosi attiniche per campo di trattamento.
Gli endpoint secondari comprendevano gli effetti avversi e la soddisfazione del paziente.

Sono stati arruolati 22 uomini di età media, al basale, di 72 anni; in totale, le cheratosi attiniche mediane per campo sono state 469 per il gruppo terapia fotodinamica a luce solare e 496 per il gruppo terapia fotodinamica a luce artificiale ( P=0.34 ).

Il numero mediano e la percentuale di riduzione delle cheratosi attiniche per campo sono stati 12 e 62.3% per la terapia a luce solare e 14 e 67.7% per terapia a luce solare a 1 mese ( P=0.21 e P=0.13, rispettivamente ).

Non vi è stata alcuna differenza significativa nella percentuale di riduzione della cheratosi attinica per ciascun trattamento a 1, 3 e 6 mesi.

A 9 mesi, il numero mediano e la percentuale di riduzione della cheratosi attinica per campo sono stati 9.0 e 48.4% per terapia a luce solare e 12.0 e 64.4% per terapia a luce artificiale ( P=0.13 e P=0.05, rispettivamente ).

Il dolore è stato riportato da 14 pazienti con terapia a base di luce solare e 16 pazienti con terapia a luce artificiale ( punteggio mediano massimo su 100, 4 vs 6; P=0.51 ).

Eritema moderato è stato segnalato da 9 pazienti dopo terapia a luce solare e da 14 pazienti dopo terapia a luce artificiale.
Su una scala da 0 ( insopportabile ) a 10 ( molto tollerabile ) la terapia con luce solare è stata valutata come 9.5 e la terapia a luce artificiale come 9 ( P=0.37 ).

In conclusione, la terapia fotodinamica praticata utilizzando una sorgente a luce artificiale è stata efficace e ben tollerata come la terapia fotodinamica con la luce solare. ( Xagena2016 )

O’Gorman SM et al, JAMA Dermatol 2016; 152: 638-644

Dermo2016



Indietro