Dermabase.it
Melanome 2018
OncoDermatologia
Melanoma

Voriconazolo può essere associato a rischio di carcinoma a cellule squamose nei pazienti sottoposti a trapianto di polmone


Secondo uno studio, i riceventi trapianto di polmone trattati con Voriconazolo ( Vfend ) per prevenire l'aspergillosi hanno presentato una probabilità significativamente maggiore rispetto a coloro che non avevano ricevuto Voriconazolo, di sviluppare carcinoma a cellule squamose ( SCC ).

Ricercatori del National Cancer Institute ( NCI ) hanno sollevato la questione dell'associazione tra Voriconazolo e rischio di carcinoma dei cheratinociti in individui che avevano ricevuto un trapianto di polmone.
Voriconazolo è usato per trattare l'aspergillosi, che spesso può essere fatale durante il trapianto.
Piccoli studi hanno indicato che il Voriconazolo aumenta il rischio di carcinoma cutaneo a cellule squamose.

I dati per lo studio di coorte basato sulla popolazione sono stati estratti dal Registro SRTR ( Scientific Registry of Transplant Recipients ), e includevano 9.599 individui bianchi non-ispanici che sono stati sottoposti a procedure di trapianto di polmone nel periodo 2007-2016.

Oltre al Voriconazolo, sono stati studiati i parametri associati all'esposizione a farmaci antifungini Itraconazolo e Posaconazolo.

Il primo carcinoma a cellule squamose o carcinoma a cellule basali ( BCC ) segnalato al Registro dei trapianti è servito come misura di esito primario.

L'età media al trapianto era di 59 anni tra le 9.793 procedure eseguite su 9.599 pazienti.
La coorte era composta per il 59.5% da maschi, e per il 58.4% da fumatori.

La durata mediana del follow-up è stata di 3 anni dopo la procedura. In questo periodo, i ricercatori hanno riportato il verificarsi di 1.031 tumori a cellule squamose ( incidenza, 322 per 10.000 anni-persona ) e 347 tumori a cellule basali ( incidenza, 101 per 10.000 anni-persona ).

I risultati dell'endpoint primario hanno mostrato che i destinatari di trapianto con 1-3 mesi di impiego di Voriconazolo avevano una probabilità significativamente maggiore di sviluppare carcinoma a cellule squamose rispetto ai riceventi senza storia di utilizzo di Voriconazolo ( hazard ratio, HR aggiustato = 1.09; IC 95%, 0.90-1.31 ).

Inoltre, rispetto all'assenza di Voriconazolo, coloro che hanno utilizzato Voriconazolo per 4-7 mesi ( HR aggiustato = 1.42; IC 95%, 1.16-1.73 ), da 8 a 15 mesi ( HR aggiustato = 2.04; IC 95%, 1.67-2.50 ) e per più di 15 mesi ( HR aggiustato = 3.05; IC 95%, 2.37-3.91 ) hanno presentato un rischio elevato di carcinoma a cellule squamose.

L'esposizione a Itraconazolo ha determinato un aumento del rischio di carcinoma a cellule squamose ( HR aggiustato = 1.20; IC 95%, 1.00-1.45 ).

I risultati relativi al carcinoma a cellule basali non hanno mostrato alcuna associazione tra il rischio e l'uso di Voriconazolo.
Tuttavia, sia l'uso di Itraconazolo ( HR aggiustato = 1.74; IC 95%, 1.27-2.37 ) sia l'uso di Posaconazolo ( HR aggiustato = 1.55; IC 95%, 1.00-2.41 ) hanno dimostrato associazioni con il rischio di carcinoma a cellule basali.

Questi risultati hanno mostrato che i pazienti sottoposti a trapianto di polmone ad alto rischio di carcinomi cheratinocitari aggressivi dovrebbero limitare l'esposizione al Voriconazolo quando possibile; sono inoltre raccomandati comportamenti di protezione cutanea e più frequenti screening oncologici. ( Xagena2020 )

Fonte: American Academy of Dermatology ( AAD ) Virtual Meeting, 2020

Dermo2020 Onco2020 Pneumo2020 Chiru2020 Inf2020 Farma2020


Indietro